Cosa facciamo

Il nostro lavoro

Ambiti di intervento

  • Servizi socio-sanitari ed educative;
  • Attività didattiche interculturali;
  • Sviluppo delle competenze linguistiche delle persone immigrate in Italia;
  • Centri di consulenza e di supporto all’integrazione delle persone immigrate in Italia;
  • Consulenza ad enti pubblici, istituzioni scolastiche ed educative, aziende pubbliche e
    private sulle tematiche della società interculturale e sullo sviluppo di servizi che la
    sostengono;
  • Attività per la promozione delle pari opportunità, della non discriminazione e dell’uguale
    trattamento fra i generi;
  • Attività formative per giovani ed adulti sulle tematiche dell’antirazzismo,
    dell’intercultura, della pace, della cooperazione internazionale allo sviluppo e del dialogo
    fra le culture;
  • Attività che promuovono la partecipazione delle persone svantaggiate, in particolar
    modo le persone immigrate, in tutti i settori della vita sociale (istruzione, formazione,
    lavoro, tempo libero, mass media, politica);
  • Interpretariato in ambito sociale.

Paesi di intervento

  • Italia
  • Cina
  • Argentina
  • Uruguay

I nostri progetti

2015-2017. “Scuole in movimento. Scambi tra scuole del mondo per promuovere il dialogo interculturale”.Cofinanziato dalla Regione Toscana
In continuità con quanto promosso negli anni precedenti, il progetto ha come obiettivo generale promuovere il dialogo interculturale tra alunni e insegnanti delle scuole di vari paesi attraverso opportunità di scambio internazionale. Le scuole che parteciperanno agli scambi sono situate in Italia (nello specifico nella Regione Toscana), Cina, Albania, Romania, Marocco e Perù. Gli scambi saranno sia di tipo “fisico”, prevedendo viaggi di scambio per gruppi interclasse delle scuole italiane e cinesi, e di tipo “virtuale” attraverso una piattaforma web per quanto riguarda le attività tra le scuole toscane e albanesi, rumene, peruviane e marocchine. Gli scambi saranno accompagnati da alcune attività laboratoriali organizzate in ciascuna scuola.

2014 “Corsi di lingua italiana L2 per giovani e adulti di origine cinese”
Presso l’Istituto Comprensivo “La Pira” di San Donnino (comune di Campi B.) sono organizzati corsi di formazione linguistica italiana per giovani e adulti di origine cinese.

2013 – 2015.“Ragazzi in Movimento: scambi tra scuole del mondo per sviluppare la coscienza del diritto all’ educazione in un contesto globale” Cofinanziato dalla Regione Toscana.
Il progetto di cui la cooperativa Tangram è capofila (la rete di partenariato è composta dall’Associazione Interscambio Culturale Italia Cina, Università per Stranieri di Siena, Oxfam Italia Intercultura, Rete Albanesi in Toscana, Agorà e Priroda) intende promuovere la partecipazione e sensibilizzazione della società toscana sui temi della pace, della memoria, del dialogo fra le diverse culture; promuovere una rete fra le scuole che hanno attivato progetti di relazione con scuole e altri soggetti della società civile della Toscana e dei paesi extracomunitari coinvolti; promuovere l’utilizzo delle lingue straniere previste dai curricula delle classi e la diffusione della lingua italiana nei paesi partner, potenziandone l’uso fra gli alunni d’origine straniera nelle scuole toscane. Nello specifico il progetto intende promuovere i contatti degli studenti e degli insegnanti della scuola media inferiore e superiore attraverso azioni che facilitino il dialogo interculturale tra le scuole, prioritariamente appartenenti a territori con i quali sono attivi partenariati di cooperazione internazionale (Cina, Albania, Bosnia Erzegovina), e territori di riferimento delle comunità straniere residenti in Toscana (la regione dello Zhejiang in Cina e l’area di Scutari in Albania).

2011 Tratti d’oriente Segni d’Occidente
Cofinanziato da Regione Toscana. Costo del progetto: €38.805
L’idea progettuale è quella di condurre laboratori / atelier di espressione creativa nelle scuole (adattando i materiali e i contenuti alle esigenze delle diverse età dei beneficiari coinvolti – dall’asilo nido – 18 – 36 mesi – alla scuola secondaria di II° grado – 18 anni), mettendo in relazione la dimensione estetica occidentale con la dimensione estetica orientale, nell’ottica della conoscenza reciproca e della costruzione di un immaginario condiviso.

2010 Inclusione sociale attraverso il lavoro: consolidamento dei percorsi di
promozione del cooperativismo nel dipartimento di Canelones, Uruguay

Cofinanziato da Regione Toscana. Costo del progetto: €49.156.60
Questo progetto si propone come un’integrazione di un’iniziativa più ampia condotta dalla Federación de Cooperativas de Producción del Uruguay (FCPU), dal Municipio di Canelones (IntendenciaMunicipal de Canelones – IMC) e dalla coop. Tangram e dalle ONG COSPE e ISCOS per la promozione del movimento cooperativo e dello sviluppo socio-economico del Dipartimento di Canelones in Uruguay. Il programma è cofinanziato dalla UE e dalla Regione Toscana. La nuova proposta è rivolta prevalentemente al sostegno delle cooperative sociali: si tratta di una forma giuridica di recente costituzione per l’Uruguay, approvata con la legge 17.978 del 2006, che le concepisce come uno strumento chiave nella lotta all’esclusione
sociale, a beneficio della popolazione maggiormente soggetta a vulnerabilità sociale ed economica, abitualmente esclusa dal mondo del lavoro.

2009 Canelones cooperativo. Partecipazione di giovani e donne allo sviluppo locale
attraverso iniziative di lavoro associativo. Uruguay. 
Cofinanziato da Regione Toscana.
Costo del progetto: €50.132
Il progetto si propone di dare continuità ad alcune delle azioni di sostegno all’economia sociale in Uruguay (dipartimento di Canelones) già avviate da un importante partenariato europeo e locale, che include entità pubbliche, università, società civile, e settore privato. L’obiettivo del progetto è quello di diffondere iniziative di produzione e lavoro associato con prevalente partecipazione di giovani e donne nel dipartimento di Canelones.

2008 Sviluppo solidale attraverso la promozione del cooperativismo nel dipertimento
di Canelones – Uruguay. Cofinanziato da Regione Toscana.
 Costo del progetto 57.034€.
Il progetto si propone di contribuire allo sviluppo socioeconomico del dipartimento di Canelones, incrementando il tasso di produzione e impiego attraverso la diffusione del cooperativismo e lo sviluppo del settore cooperativo.

2007 Reti d’imprese e Reti di Persone: Rafforzamento delle Imprese Sociali di donne
nell’indotto del sistema delle Imprese Recuperate in Argentina.
 Cofinanziato da Regione
Toscana. Costo del progetto €42.400.
Il progetto intende promuovere la generazione di impiego e l’inclusione sociale della popolazione femminile disoccupata, sottoccupata o con occupazione precaria dei municipi di Berazategui, Florencio Varela e Quilmes (Zona Sud della provincia del Gran Buenos Aires), attraverso la promozione dell’imprenditorialità sociale femminile.

2014 – 2015. “ITA.CA. Italiano e cittadinanza attiva” (capofila Cooperativa Macramè) Cofinanziato da Fondi FEI (azione 3)
Per l’anno scolastico 2014-15 il progetto si pone l’obiettivo di promuovere corsi di formazione linguistica italiana rivolta agli alunni e alle alunne non italofone dell’Istituto Comprensivo “La Pira” di San Donnino, nel comune di Campi Bisenzio (Firenze). I formatori dei corsi saranno affiancati da mediatori/trici linguistico-culturale per facilitare la partecipazione in aula.

2014. Decostruire il pregiudizio per costruire la legalità (capofila Istituto Comprensivo “La Pira” di San Donnino, Campi Bisenzio) Cofinanziato dalla Fondazione Marchi
Il progetto si pone come obiettivo generale il rafforzamento della cultura della legalità, del rispetto reciproco e della partecipazione, attraverso il contrasto agli stereotipi e ai pregiudizi che spesso accompagnano la lettura di una società complessa quale è quella in cui viviamo. Il progetto prevede l’organizzazione di attività nelle scuole coinvolgendo gli insegnanti e gli/le alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado dei comuni di Firenze e di Campi Bisenzio.

2013-2014. Progetto “Esperienze di quotidiana interculturalità”. (capofila Cospe) Finanziato dal Comune di Firenze
Il progetto si pone sulla stessa linea del precedente “Bambini in movimento”, proponendo una formazione all’intercultura per coloro che operano nei restanti servizi dei nidi del Comune di Firenze (e che no avevano beneficiato dei percorsi del progetto precedente). La formazione prevede un’articolazione modulare sui temi dell’intercultura come normale esperienza umana, del plurilinguismo e dell’abbattimento di stereotipi e pregiudizi basati dal paese d’origine. Anche in questo caso, la cooperativa sociale Tangram ha messo a disposizione dell’Associazione Cospe personale proprio esperto per il percorso formativo.

2013 Progetto “Bambini in Movimento” (capofila Cospe) Finanziato dal Comune di Firenze
La Cooperativa Sociale Tangram ha messo a disposizione personale proprio esperto per il percorso formativo sul tema dell’interculturalità, gestito dall’Associazione Cospe, rivolto a tutti coloro che lavorano all’interno 31 asili nido del comune di Firenze. La formazione si articola in tre incontri modulari, centrati sul tema dell’intercultura come normale esperienza umana, del plurilinguismo e dell’abbattimento di stereotipi e pregiudizi basati dal paese d’origine.

2012-13 Parole che includono. Percorsi di formazione linguistica per donne immigrate. (capofila Cospe) Finanziato dal Ministero degli Interni – Fondo FEI
Progetto in corso di realizzazione. Corsi di lingua italiana (livello A1) per 120 donne provenienti da paesi terzi di recente arrivo in Italia con azioni mirate alla conoscenza dei servizi sanitari, scolastici, del lavoro, dell’accesso all’istruzione per i figli, e delle istituzioni pubbliche. Le beneficiarie con bambini con età dai 16 mesi ai 10 anni avranno a disposizione un servizio ludico – educativo durante i corsi.

2011-12 Scambiando s’impara. Partenariati didattici Toscana – Zhejiang (Cina). (capofila Cospe) Cofinanziato da Regione Toscana. Costo del progetto: € 48.630. In corso di realizzazione.
L’obiettivo del progetto è la sistematizzazione e pubblicazione di materiali didattici e la messa a regime di scambi fra il network di scuole toscane (11) e di scuole del Zhejiang (11), dalla scuola dell’infanzia alle superiori, con il supporto dell’Università di Wenzhou (Dipartimenti di Pedagogia e di Sociologia) e dell’Università di Firenze (Facoltà di Lettere, Corso di laurea di cinese), che mette a disposizione tirocinanti laureandi di lingua cinese, specializzati in glottodidattica.

2009 Il Palazzo della memoria. Cofinanziato da Regione Toscana. Costo del progetto: €44.000
Obiettivi del progetto: Promuovere il diritto all’istruzione (intesa nel senso più ampio comprendente pari opportunità di successo scolastico indipendentemente da origine, sesso, censo) per alunni migranti; promuovere una trasformazione in chiave interculturale dei curricoli scolastici; rafforzare la cooperazione in ambito educativo fra scuole toscane e scuole cinesi della Provincia Zhejiang, città di Hangzhou, Wenzhou e Ruian.